giovedì 18 marzo 2010

attrezzi da tasca 1 - il temperino svizzero Victorinox

Capita a tutti, quotidianamente, di scontrarsi con qualcosa, di piccolo o grande, che non funziona a dovere.
Per destreggiarsi in questi casi, è giocoforza portarsi dietro un qualche genere di attrezzo multiuso; tant'è che, almeno nel mio caso, averne uno in tasca è quasi una necessità: a non averlo, mi sento nudo...
Ma qual'è il migliore attrezzo multiuso?

Il primo a venire in mente (ed a ragione) è il classico "temperino svizzero" Victorinox.
E dico "a ragione" perché effettivamente si tratta di un attrezzo superbo, costruito al meglio, con forme e funzioni studiate al meglio e con materiali di primissima qualità.
Esiste una pletora di copie, costruite in svariati angoli del mondo (anche se perlopiù in Cina), offerte a pochi euro... ma non vale neppure la pena di prenderle in considerazione.
La differenza, qualitativamente parlando, è abissale.
Mentre la differenza di prezzo, in termini assoluti, è minima.
Per un temperino cinese, spenderemo pochi euro.
Per un temperino originale Victorinox, spenderemo poche decine di euro.
In termine percentuali è una grossa differenza, anche di un ordine di grandezza: con quello che spendiamo per un temperino Victorinox, potremmo acquistare dieci (!!!) temperini cinesi.
Ma tutto sommato la differenza assomma al prezzo di una pizza e una birra per due...
Se parlassimo di automobili.. quanti di voi possono permettersi una Mercedes? Non potete permettervela, e vi accontentate di una Fiat, o peggio...
Bene, nel caso dei temperini, potete permettervi tranquillamente l'equivalente di una Mercedes: perché non farlo? Perché non concedersi questo piccolo lusso?

Il catalogo Victorinox è amplissimo, e può addirittura spiazzare: vi sono letteralmente dozzine di modelli differenti, con funzioni talvolta assolutamente esoteriche, o ai confini del misterioso... quindi, come scegliere?

Una considerazione: un coltellino multiuso NON sostituisce una vera "cassetta degli attrezzi", nè potrà mai farlo. Non esiste temperino al mondo che ci permetterà di smontare un rubinetto: ci vorrà un giratubi.
Nessun temperino sviterà mai un dado da 13 ben serrato: ci vorrà l'apposita chiave.
Nessun temperino ci permetterà di abbattere un albero, anche se giovane: ci vorrà al minimo un'accetta o un segaccio ad arco.
Il temperino servirà a mille piccoli interventi di fortuna, dove conterà più l'ingegno, l'arte di arrangiarsi, la fantasia che non l'attrezzo in sé. Ed in questi frangenti il temperino multiuso sarà destinato ad esser usato in maniera impropria.
Un esempio: una volta mi capitò di dover sbloccare dei morsetti bloccati da dadi da 22. Ma io avevo solo una chiave esagonale da 24. Ed allora?
Allora cacciai la lama del cacciavite del mio temperino (quella montata sull'apribottiglie) in modo da incastrarsi tra la chiave ed il dado, e riuscii a fare il lavoro.
Avete presente la coppia di serraggio di un dado da 22? Avete presente le dimensioni di una chiave da 24? Avete presente come si possa ridurre una lama da cacciavite usata in un frangente del genere?
Eppure il mio temperino Victorinox è sopravvissuto egregiamente, e solo una leggerissima ed appena percettibile tacca ricorda questo abuso che avrebbe senz'altro segnato la prematura fine di qualsiasi attrezzo di minor qualità...
Tutto questo, per dire: non ci serve un set di funzioni completissima, del coltello per squamare, del leva-ami ecc. possiamo tranquillamente fare a meno.
Poche funzioni essenziali significheranno un temperino meno ingombrante, più facile da impugnare, più leggero e meno costoso.
Quali sono quindi le funzioni essenziali?
Secondo me, partendo da queste premesse il prodotto migliore è il modello "camper":
- lama "grande"
- lama piccola
- apribottiglie + cacciavite a lama "grande"
- apriscatole + cacciavite a lama piccolo
- punteruolo alesatore
- sega da legno
- cavatappi
- pinzetta
- stuzzicadenti
Il prezzo di questa versatile meraviglia dovrebbe superare di poco i 20 euro...



Un unico appunto da muovere a questo attrezzo: le lame non sono dotate di blocco in posizione "aperto", e quindi, se utilizzate in maniera impropria, possono richiudersi pericolosamente sulle dita che lo impugnano.

Tutta la manutenzione necessaria per questo attrezzo: una goccia di olio in prossimità dei perni, quando serve (il che significa una volta all'anno...), per rendere più fluida e morbida l'apertura degli attrezzi.

Sul sito della Victorinox trovate anche una lettura affascinante: un libretto intotalto "True stories", che riporta una serie di episodi nei quali i protagonisti si sono ritrovatoi a fronteggiare situazioni pericolose armati del loro fido temperino svizzero...

Una doverosa precisazione: ho scritto che il "Camper" è il modello migliore e più versatile. Poiché la coerenza non è una virtù comune, devo ammettere che quello che ho in tasca in questo istante (e che ho da vent'anni) non è il Camper.
E' un modello senza nome (o al quale, perlomeno, io non sono riuscito ad attribuire un nome...) che, a differenza del camper, non ha stuzzicadenti e pinzetta.
Il Camper è tuttavia il modello che ho regalato ai miei figli per il loro decimo compleanno, ed è quello che mi comprerei il giorno che dovessi - malauguratamente - smarrire il mio...

Una nota: oltre al Victorinox, esiste un'altra marca di "temperino svizzero originale": la Wenger.
Mi dicono che la qualità sia la stessa, tuttavia non ne ho mai provato uno, e quindi personalmente non mi pronuncio.
Posso dire che sono difficilissimi da trovare (la distribuzione Victorinox è capillare, mentre quella Wenger sembra molto più elitaria). Quindi, li ho sempre ritenuti (forse a torto) un po' snob...

2 commenti:

Weissbach ha detto...

Mia moglie mi regalò nel 2001 un CyberTool 34.
Era in una borsa che mi fu rubata.
L'ho ricomprato uguale, e devo dire che per quello che mi capita di aprire ed aggiustare (molta roba elettronica) è insostituibile.

magno ha detto...

Mux ha chiuso i commenti che fallito